Umberto Abenaim
È nato a Piacenza nel 1951. Studioso di cultura e religione ebraica, si è prodigato, insieme a Emanuele Pacifici, per il recupero documentale delle antiche Comunità ebraiche scomparse. Con Pacifici ha pubblicato Breve storia degli ebrei in Italia (“Città in controluce”, n. 12, sett. 2004). è autore di Abenaim, una famiglia ebrea e le leggi razziali (Scritture, 2015).

Fabrizio Achilli
È autore di studi storici e pubblicazioni sui temi che tra Ottocento e Novecento hanno segnato la storia nazionale e locale: il movimento operaio e socialista, il fascismo e la Resistenza, lo Stato unitario.
Presiede l’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea di Piacenza e ne dirige la rivista, «Studi Piacentini».

Giana Anguissola
(Piacenza 1906 - Milano, 1966) ha esordito nella narrativa a 16 anni; è autrice di romanzi e di racconti per l’infanzia e l’adolescenza. Quest’ultima attività, cui si applicò in particolare nel secondo dopoguerra, gli valse numerosi riconoscimenti tra cui il Premio della Presidenza del Consiglio e la Menzione dell’International Board on Book for Yong People nel 1959 per il romanzo Priscilla e, nel 1964, il premio Bancarellino per Violetta la timida.
Della sua ricca produzione ricordiamo: Gli eredi el circo Alicante; Trovar marito!; Gli animali al principio del mondo; Il carretto del mercante; Seguendo una lira; L’età acerba; i tre volumi del Diario di Giulietta; Pierpaolo, Il signor Serafino; L’inviata specialissima; Io e mio zio; Marilù; Lolli; Le straordinarie vacanze di Violetta; Daddi e Giorgi; Aniceto o la bocca della verità (pubblicato postumo e rivisto a cura di Giancarla Mursia).
Collaborò con numerose testate, tra cui “Il Corriere della sera”, “Il Corriere Lombardo”, “Il Corriere dei Piccoli” e il quotidiano di Piacenza, “Libertà”. Nel corso degli anni Trenta tenne una rubrica fissa di moda e costume su “La Lettura” insieme alla disegnatrice Brunetta (Brunetta Moretti Mateldi).
Scritture ha pubblicato nel 2010 Il romanzo di molta gente, il solo romanzo per il pubblico adulto della Anguissola.

Carla Antonini
Insegnante di Storia e Filosofia, è direttrice dell’Istituto Storico delle Resistenza e dell’Età Contemporanea di Piacenza. In questa veste ha ideato la prima Rassegna nazionale sull’insegnamento della Storia nell’era digitale, giunta alla sua terza edizione.
È autrice di saggi sul Novecento primo e secondo pubblicati in «Studi Piacentini» e in Il libro dei deportati, vol. I e II (Milano, 2013). Per Scritture ha pubblicato Rinchiudere un sogno, Da Piacenza ai lager nazisti, Il libro dei deportti politici (2011), e Piacenza 1938-1945, Le leggi razziali (2010), da cui ha tratto la piéce teatrale La scala per le fragole, e ha curato Lager 7, Storia della mia gioventù interrotta, memorie di un internato scritto da Luigi Poggioli.

Claudio Arzani
Nato in provincia di Piacenza nel 1954, è autore di racconti in versi e in prosa, ha pubblicato è severamente proibito servirsi della toilette durante la fermata in stazione (2005) e Vietato attraversare i binari servirsi del sottopassaggio (2009).
Presente in diverse antologie tra le quali Limite acque sicure (Chieti, 2009), 100Thousand poets for change di Albeggi (Roma, 2013), Piacenza Poesia, Poeti all’ultimo km della via Emilia (Scritture, 2014).
Con Fausto Chiesa ha pubblicato Scendea fischiando sorella morte (Scritture, 2015)

Nello Bagarotti
(Piacenza 1926-1966), fu giornalista e scrittore. è autore di un solo romanzo, Il pollaio, rimasto inedito fino al 2006.

Luigi Ballerini
Poeta, traduttore e saggista, è nato a Milano nel 1940, vive a New York e insegna letteratura italiana all’Università della California di Los Angeles. Per Scritture ha curato la raccolta di saggi Perché New York? (2007, con Federica Santini) e ha pubblicato 4 per Pagliarani, raccolta di saggi sul poeta ravennate. Tra i suoi libri di poesia ricordiamo Se il tempo è matto (Milano, 2010); Cefalonia (Milano, 2005, Premio Brancati); Uno monta la luna (Lecce, 2001); Il terzo gode (Venezia, 1994); Che figurato muore (Milano, 1988). Come critico si è occupato soprattutto di avanguardia storica e di poesia italiana contemporanea. Con Paul Vangelisti ha curato per Mondadori la serie Nuova poesia americana, di cui sono già usciti tre volumi: Los Angeles (2005), San Francisco (2006) e New York (2009).

bot (Osvaldo Barbieri)
(Piacenza 1895-1958) artista e poligrafo formatosi nel clima del Futurismo marinettiano è stato per oltre quaranta anni un inesausto sperimentatore di linguaggi visivi, materiali, scene dell’arte. Scritture ha pubblicato il catalogo della mostra I futurismi di un giocoliere (2015) con testi di Elena Pontigga, Giacomo Coronelli, Renato Solmi, Gaetano Pantaleoni, Enrico Crispolti, Marilena Pasquali, Stefano Fugazza.

Carlo Berra
Esponente di primo piano della sinistra di Piacenza dal Partico comunista italiano al Partito democratico, e a lungo amministratore comunale e regionale, ha raccontato nel libro Da sinsitra (con Stefano Raffo, 2009) il travaglio culturale di un militante nelle fasi di passaggio della sinistra italiana dal 1989 al PD.

Romano Bertuzzi
(Coli, 1956) è artista e performer con predilezione per la ricerca naturalistica e la testimonianza antropologica. Ha pubblicato nel 2008, La pietra d’oro e la pietra d’argento con testi di Beccucci, Coccia, Dehò, Gazzola, Senaldi

Rodolfo Bona
Rodolfo Bona insegna dal 1986 ed è docente di Storia dell’Arte al Liceo Classico “D. Manin” di Cremona. Ha collaborato con il Centro Studi ed Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, con l’Archivio di Stato di Cremona, con il Museo Civico “G.Bellini” e con l’associazione “Amici di Palazzo Te” di Asola.

Ettore Carrà
(Piacenza, 1925 - 2014) fu partigiano e poi maestro elementare. Storico, memorialista e commentatore del costume, ha pubblicato studi sull’Età napoleonica e risorgimentale a Piacenza, oltre che sulla Resistenza. Per Scritture ha pubblicato Taccuini (1943-1945), nel 2011.

Giuseppe Cattanei
è dottore di ricerca in Storia moderna e contemporanea e in Storia Economica. Collabora nel campo della ricerca e della didattica presso la Facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dell’Università di Milano-Bicocca e presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Milano. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni di storia economica, tra cui la monografia Un grande attore dello sviluppo agricolo piacentino: il Primo Consorzio agrario di Piacenza (1900-1948), edito da il Mulino (2013). è autore di Giulio Alberoni, legato pontificio a Ravenna tra economia e istituzioni.

Beppe Cavatorta
Nato a Parma nel 1964, abita a Tucson in Arizona, dove insegna Lingua e Letteratura italiana presso l’Università dell’Arizona. Suoi saggi, traduzioni e recensioni, sono apparsi su numerose riviste italiane (Anterem, Studi Novecenteschi, Scritture migranti, Il Verri, Nuova Prosa) e americane (Agincourt, Carte Italiane, Italian Culture, Lectura Dantis Virginiana, Annali d’italianistica, Rivista di studi italiani). Nel 2000, con Luigi Ballerini, Elena Coda e Paul Vangelisti, ha curato l’antologia bilingue di poesia contemporanea italiana The Promised Land (Los Angeles, Sun & Moon Press). Sempre con Ballerini sta curando Quelli che da lontano sembrano mosche, una nuova antologia di poesia italiana dalla fine degli anni ‘50 a oggi. Nel 2008 ha curato l’edizione americana di tutte le poesie di Adriano Spatola; nel 2015, l’edizione italiana di tutte le poesie di Luigi Ballerini.

Fausto Chiesa
Nato nel 1955 a Borgonovo Val Tidone, ha pubblicato Alfonso Testa, un povero pretazzuolo (Piacenza, 2010) e, con Scritture, Krisis, pensieri in libertà di un uomo comune e la memoria dalla Campagna di Russia: Diario di Federico, La vita e la guerra, Da Griscino a Verona, entrambi nel 2012.

Gianfranco Dragoni
Gianfranco Dragoni (Piacenza, 1938) è stato operaio e poi dirigente sindacale FIOM-CGIL di Piacenza. Nel 1980 è stato nominato Segretario generale della Camera del lavoro e nel 1990 ha assunto la carica di Presidente della sede territoriale INPS. È in pensione dal 1994.

Umberto Fava
(Piacenza, 1940), è stato giornalista delle pagine culturali e scrittore di racconti sostenuti da grande ironia e prosaico vitalismo. Con Scritture ha pubblicato Giorgio e il drago che si mangia le parole (2014, con G. Milani) e Doppio gioco, Quella vigna profuma di donna (2015, in accoppiata con Maurizio Rossi e illustrazioni da Gianfranco Asveri).

Daniela Giorgi
Piacentina, lavora nella Pubblica Amministrazione ed è autrice di storie per l’infanzia. Con Scritture ha pubblicato Il neo di Orfeo (2011), con illustrazioni di William Xerra e traduzione in arabo maghrebino.

Alfredo Giuliani
(Pesaro, 1924 - Roma, 2007) è stato poeta e saggista, tra i principali animatori della neoavanguardia italiana e dell’editoria. Numerose le raccolte in versi e in prosa. Scritture ha pubblicato la trascrizione di una serata in dialogo con Aldo Tagliaferri, (19 giugno 2005), nel 2008.

Antonella Lenti
Antonella Lenti, giornalista professionista, e? stata corrispondente de “l’Unita?” negli anni Ottanta, ha diretto il settimanale “Corriere Padano” e il mensile “Piacentini” fino al 2001 e quindi e? stata vice-caposervizio del quotidiano “Liberta?” di cui ora e’ collaborarice. Nel 2017 ha pubblicato un reportage di testimonianza per raccontare l’esperienza di volontaria nelle zone terremotate delle Marche, “... Ma ci resta il cielo”, edito da Pontegobbo. Ora sta “studiando” da blogger: lenticontatto.blogspot.it; colsenodipoi.blogspot.it; vitainunlook.blogspot.it, sono i blog attivi. (redazione: novembre 2017)

Franco Loi
(Genova, 1930), poeta dialettale milanese e saggista, tra i maggiori autori italiani in versi. Numerose le sue raccolte. Scritture ha pubblicato la trascrizione di una serata a Piacenza per gli ottanta anni del poeta: (10 giugno 2010), con Maurizio Meschi, a cura di Stefano Pareti (2011).

Giorgio Milani
(Piacenza, 1946) è artista interessato soprattutto alla relazione tra opera d’arte e spazio pubblico. Ha pubblicato con Scritture Giorgio e il drago che mangia le parole (con Umberto Fava, 2014) e ROSAe (2010).

Stefano Mistura
Psichiatra e saggista, già dirigente dell’Azienda U.S.L. di Piacenza, è autore di numerose opere a carattere scientifico e critico. Tra le più recenti si segnalano: Figure del feticismo (Torino 2001); Psichiatria in Medicina d’Urgenza (Torino 2003); Autismo. L’umanità nascosta (Torino 2006); Psiche I e II (Torino 2006-07); La pazienza e l’imperfezione. Saggi e conferenze 1969-2007 (Macerata, 2009). Per Scritture ha pubblicato L’eredità dispersa, Saggi e conferenze 1967-2007 (2007).

Mauro Molinaroli
Giornalista e scrittore, è autore di diversi libri legati al costume e alla storia di Piacenza. Tra i più recenti ricordiamo: Quando avevamo ragione. I miei anni Settanta (2006); Al cinema con Cat (due volumi, 2007 e 2008, insieme a Stefano Pareti), e Ognuno ha tanta storia. Tante facce nella memoria (2010). Nel 2011 ha iniziato una serie di pubblicazioni sul cinema: Il cinema in rivolta. Marco Bellocchio e i pugni in tasca (Milano), nel 2013 Prima visione, Cinema e pubblico a Piacenza dal Dopoguerra al Bobbio Film Festival (Scritture) e infine Nome d’arte, Gianni Schicchi (Scritture). è tornato agli studi su Piaecnza con diverse pubblicazioni tra cui Occhi a specchio (Scritture, 2012) e Quelli che il Ciano, la Villa Grilli e..., Borgate, quartieri popolari e case minime (Scritture, 2013).

Jo Nani
Storica dell’arte e autrice di alcuni saggi sull’arte neoclassica e liberty nelle aree emiliana e lombarda, con Scritture ha pubblicato Villa Chiapponi Scotti di Castelbosco, oggi Villa Braghieri a Castelsangiovanni (2013).

Giampaolo Nuvolati
Nato a Piacenza nel 1959 è professore ordinario di Sociologia urbana all’Università di Milano-Bicocca. Ha pubblicato diversi studi sulla qualità della vita urbana e sull’utilizzo simbolico delle città nella vita odeirna, tra cui: Popolazioni in movimento, città in trasformazione: abitanti, pendolari, city users, uomini d’affari e flâneurs (Bologna, 2002); Lo sguardo vagabondo. Il flâneur e la città, da Baudelaire ai postmoderni (Bologna, 2006); Mobilità quotidiana e complessità urbana (Firenze, 2007).
Per Scritture ha pubblicato Coincidenze riguardanti periferie, orti urbani, sant’Agata (e altri appunti, 2003-2006), nel 2007. Dirige la rivista di sociologia “Città in controluce”.

Ernesto Pagani
(Cremona, 1919 - Castelsangiovanni, 2011) è stato tra i soldati italiani dell’armir che riuscirono a tornare dalla Campagna di Russia. Da quella stagione ha tratto il libro di memorie: La terra dei girasoli, dettato alla figlia e poi edito da Scritture nel 2012.

Gaetano Pantaleoni
(Piacenza, 1918 - 1987), giornalista e scrittore di cronache d’arte, critico e biografo, è autore di alcuni saggi poderosi sulla storia piacentina e sui principali monumenti della città. Scritture ha pubblicato il suo Il barocco del Mochi nei cavalli farnesiani (2013, in una nuova edizione (la prima era del 1975) con rinnovato corredo fotografico e l’aggiunta di testi di Paola Ceschi Lavagetto, Antonio Russo, Massimo Tirotti, Giovanni Morigi, Ferdinando Cogni.

Stefano Pareti
Stefano Pareti è nato e vive a Piacenza. Dalla metà degli anni Settanta e fino al 2004 è stato impegnato nella vita delle Amministrazioni Pubbliche piacentine ricoprendo anche la carica di Sindaco di Piacenza dal 1980 al 1985. Si è occupato di storia e cultura piacentina tra cui i tre volumi della serie Passaggio a Piacenza (con Eugenio Gazzola); I luoghi del lavoro; la raccolta Reclusorio di Piacenza, Lettere di Ernesto Rossi dal carcere 1931-1933 (questi editi da Scritture); nonché di giornalismo piacentino con Cronache in Libertà. Con altri ha curato Romagnosi, Una lunga giovane Storia, dedicato all’Istituto Tecnico Commerciale piacentino; Jazz in Libertà, rassegna di critica musicale, e La Primogenita e i suoi garibaldini, storia dei piacentini arruolati con Garibaldi. Al critico cinematografico Giulio Cattivelli ha dedicato Il Quadernuccio di Cat e La guerra di Cat; e con Mauro Molinaroli: Al cinema con Cat volumi 1 e 2.

Luigi Poggioli
Autore di un libro di memorie sulla sua esperienza di deportato nei campi di lavoro del Reich, Lager 7, Storia della mia gioventù interrotta, Luigi Poggioli è originario di Farini, una località dell’appennino piacentino che fu al centro dei rastrellamenti nazifascisti dell’estate 1944.

Paolo Poggioli
Artista e disegnatore di fumetti, ha trovato una felice sintesi tra la dimensione del racconto propria del fumetto, quella della fiaba di ascendenza popolare emiliana e dell’espressione multidisciplinare propria dell’arte contemporanea. Ha pubblicato con Scritture un album intitolato Il misterioso cavaliere nero (2010).

Luciano Recchia
Nato a Jesi nel 1942, è cresciuto a Viadana e vive a Parma.
Ha pubblicato la raccolta di racconti Cinque figure che scappano del 2012 (Scritture) e il romanzo Magnaecrida nel 2015. Al centro della sua opera c’è la vita epica e quotidiana delle comunità di riviera del Po, tra le città di Parma, Reggio e Mantova. Nel suo passato, collaborazioni a rassegne di cinema e, nel 1977, la fondazione, con altri, del “Salso Film & Tv Festival”, destinato a diventare un appuntamento centrale per giovani autori e critici.

Romano Repetti
Dalle elezioni amministrative del 1970 è un protagonista-osservatore della vita pubblica. All’esecuzione di incarichi di partito - fra cui quello di segretario provinciale del Pci a Piacenza - e di pubblico amministratore - consigliere ed assessore provinciale, presidente dell’Ente Mostre piacentino e dello Iacp/Acer - Repetti ha accompagnato studi a carattere storico e sociale, nonché di ricerca e documentazione sulla vita politica e amministrativa di Piacenza, che hanno trovato sbocco nel conseguimento della laurea in Scienze Politiche e nella redazione di questo studio.

Maurizio Rossi
(Piacenza, 1950), scrittore in prosa e in versi, si inserisce con eleganza nel filone surrealista padano. Ha pubblicato numerose raccolte, con Scritture: Doppio gioco, Gli spiriti del vino (2015, in accoppiata con Umberto Fava e illustrazioni di Gianfranco Asveri).

Federica Santini
Si è laureata in Lettere moderne a Siena nel 1996. Nel 1999 si è trasferita negli Stati Uniti, dove ha conseguito il Ph.D. in letteratura italiana (UCLA, 2004). Dal 2006 vive ad Atlanta, dove è professore associato e coordina il programma di italianistica alla Kennesaw State University. Suoi articoli e traduzioni sono apparsi inPia riviste letterarie negli USA e in Italia, quali “Rivista di Studi italiani”, “L’illuminista”, “Carte Italiane”, “L’anello che non tiene”, “Italian Culture”, “Journal of Italian Translation” e “Il Verri”. Per Scritture ha pubblicato Io era una bella figura una volta, Viaggio nella poesia di ricerca del secondo Novecento (2013).

Massimo Tirotti
(Piacenza 1946 - 2013), fu a lungo dirigente comunale a Piacenza e artista in privato. Solo dopo la prematura scomparsa la famiglia e gli amici gli hanno dedicato una mostra di cui Scritture ha pubblicato il catalogo: Tra gioco e arte (2014).

William Xerra
(Firenze, 1937) è artista e scrittore in versi e prosa. Ha pubblicato con Scritture Peggio per loro (con Luigi Ballerini, 2011) e Non senza il dire (con Roberto Borghi, 2008).

Umberto Abenaim
È nato a Piacenza nel 1951. Studioso di cultura e religione ebraica, si è prodigato, insieme a Emanuele Pacifici, per il recupero documentale delle antiche Comunità ebraiche scomparse. Con Pacifici ha pubblicato Breve storia degli ebrei in Italia (“Città in controluce”, n. 12, sett. 2004). è autore di Abenaim, una famiglia ebrea e le leggi razziali (Scritture, 2015).

Fabrizio Achilli
È autore di studi storici e pubblicazioni sui temi che tra Ottocento e Novecento hanno segnato la storia nazionale e locale: il movimento operaio e socialista, il fascismo e la Resistenza, lo Stato unitario.
Presiede l’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea di Piacenza e ne dirige la rivista, «Studi Piacentini».

Giana Anguissola
(Piacenza 1906 – Milano, 1966) ha esordito nella narrativa a 16 anni; è autrice di romanzi e di racconti per l’infanzia e l’adolescenza. Quest’ultima attività, cui si applicò in particolare nel secondo dopoguerra, gli valse numerosi riconoscimenti tra cui il Premio della Presidenza del Consiglio e la Menzione dell’International Board on Book for Yong People nel 1959 per il romanzo Priscilla e, nel 1964, il premio Bancarellino per Violetta la timida.
Della sua ricca produzione ricordiamo: Gli eredi el circo Alicante; Trovar marito!; Gli animali al principio del mondo; Il carretto del mercante; Seguendo una lira; L’età acerba; i tre volumi del Diario di Giulietta; Pierpaolo, Il signor Serafino; L’inviata specialissima; Io e mio zio; Marilù; Lolli; Le straordinarie vacanze di Violetta; Daddi e Giorgi; Aniceto o la bocca della verità (pubblicato postumo e rivisto a cura di Giancarla Mursia).
Collaborò con numerose testate, tra cui “Il Corriere della sera”, “Il Corriere Lombardo”, “Il Corriere dei Piccoli” e il quotidiano di Piacenza, “Libertà”. Nel corso degli anni Trenta tenne una rubrica fissa di moda e costume su “La Lettura” insieme alla disegnatrice Brunetta (Brunetta Moretti Mateldi).
Scritture ha pubblicato nel 2010 Il romanzo di molta gente, il solo romanzo per il pubblico adulto della Anguissola.

Carla Antonini
Insegnante di Storia e Filosofia, è direttrice dell’Istituto Storico delle Resistenza e dell’Età Contemporanea di Piacenza. In questa veste ha ideato la prima Rassegna nazionale sull’insegnamento della Storia nell’era digitale, giunta alla sua terza edizione.
È autrice di saggi sul Novecento primo e secondo pubblicati in «Studi Piacentini» e in Il libro dei deportati, vol. I e II (Milano, 2013). Per Scritture ha pubblicato Rinchiudere un sogno, Da Piacenza ai lager nazisti, Il libro dei deportti politici (2011), e Piacenza 1938-1945, Le leggi razziali (2010), da cui ha tratto la piéce teatrale La scala per le fragole, e ha curato Lager 7, Storia della mia gioventù interrotta, memorie di un internato scritto da Luigi Poggioli.

Claudio Arzani
Nato in provincia di Piacenza nel 1954, è autore di racconti in versi e in prosa, ha pubblicato è severamente proibito servirsi della toilette durante la fermata in stazione (2005) e Vietato attraversare i binari servirsi del sottopassaggio (2009).
Presente in diverse antologie tra le quali Limite acque sicure (Chieti, 2009), 100Thousand poets for change di Albeggi (Roma, 2013), Piacenza Poesia, Poeti all’ultimo km della via Emilia (Scritture, 2014).
Con Fausto Chiesa ha pubblicato Scendea fischiando sorella morte (Scritture, 2015)

Nello Bagarotti
(Piacenza 1926-1966), fu giornalista e scrittore. è autore di un solo romanzo, Il pollaio, rimasto inedito fino al 2006.

Luigi Ballerini
Poeta, traduttore e saggista, è nato a Milano nel 1940, vive a New York e insegna letteratura italiana all’Università della California di Los Angeles. Per Scritture ha curato la raccolta di saggi Perché New York? (2007, con Federica Santini) e ha pubblicato 4 per Pagliarani, raccolta di saggi sul poeta ravennate. Tra i suoi libri di poesia ricordiamo Se il tempo è matto (Milano, 2010); Cefalonia (Milano, 2005, Premio Brancati); Uno monta la luna (Lecce, 2001); Il terzo gode (Venezia, 1994); Che figurato muore (Milano, 1988). Come critico si è occupato soprattutto di avanguardia storica e di poesia italiana contemporanea. Con Paul Vangelisti ha curato per Mondadori la serie Nuova poesia americana, di cui sono già usciti tre volumi: Los Angeles (2005), San Francisco (2006) e New York (2009).

Carlo Berra
Esponente di primo piano della sinistra di Piacenza dal Partico comunista italiano al Partito democratico, e a lungo amministratore comunale e regionale, ha raccontato nel libro Da sinsitra (con Stefano Raffo, 2009) il travaglio culturale di un militante nelle fasi di passaggio della sinistra italiana dal 1989 al PD.

Romano Bertuzzi
(Coli, 1956) è artista e performer con predilezione per la ricerca naturalistica e la testimonianza antropologica. Ha pubblicato nel 2008, La pietra d’oro e la pietra d’argento con testi di Beccucci, Coccia, Dehò, Gazzola, Senaldi.

bot (Osvaldo Barbieri)
(Piacenza 1895-1958) artista e poligrafo formatosi nel clima del Futurismo marinettiano è stato per oltre quaranta anni un inesausto sperimentatore di linguaggi visivi, materiali, scene dell’arte. Scritture ha pubblicato il catalogo della mostra I futurismi di un giocoliere (2015) con testi di Elena Pontigga, Giacomo Coronelli, Renato Solmi, Gaetano Pantaleoni, Enrico Crispolti, Marilena Pasquali, Stefano Fugazza.

Ettore Carrà
(Piacenza, 1925 – 2014) fu partigiano e poi maestro elementare. Storico, memorialista e commentatore del costume, ha pubblicato studi sull’Età napoleonica e risorgimentale a Piacenza, oltre che sulla Resistenza. Per Scritture ha pubblicato Taccuini (1943-1945), nel 2011.

Giuseppe Cattanei
è dottore di ricerca in Storia moderna e contemporanea e in Storia Economica. Collabora nel campo della ricerca e della didattica presso la Facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dell’Università di Milano-Bicocca e presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Milano. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni di storia economica, tra cui la monografia Un grande attore dello sviluppo agricolo piacentino: il Primo Consorzio agrario di Piacenza (1900-1948), edito da il Mulino (2013). è autore di Giulio Alberoni, legato pontificio a Ravenna tra economia e istituzioni.

Beppe Cavatorta
Nato a Parma nel 1964, abita a Tucson in Arizona, dove insegna Lingua e Letteratura italiana presso l’Università dell’Arizona. Suoi saggi, traduzioni e recensioni, sono apparsi su numerose riviste italiane (Anterem, Studi Novecenteschi, Scritture migranti, Il Verri, Nuova Prosa) e americane (Agincourt, Carte Italiane, Italian Culture, Lectura Dantis Virginiana, Annali d’italianistica, Rivista di studi italiani). Nel 2000, con Luigi Ballerini, Elena Coda e Paul Vangelisti, ha curato l’antologia bilingue di poesia contemporanea italiana The Promised Land (Los Angeles, Sun & Moon Press). Sempre con Ballerini sta curando Quelli che da lontano sembrano mosche, una nuova antologia di poesia italiana dalla fine degli anni ‘50 a oggi. Nel 2008 ha curato l’edizione americana di tutte le poesie di Adriano Spatola; nel 2015, l’edizione italiana di tutte le poesie di Luigi Ballerini.

Fausto Chiesa
Nato nel 1955 a Borgonovo Val Tidone, ha pubblicato Alfonso Testa, un povero pretazzuolo (Piacenza, 2010) e, con Scritture, Krisis, pensieri in libertà di un uomo comune e la memoria dalla Campagna di Russia: Diario di Federico, La vita e la guerra, Da Griscino a Verona, entrambi nel 2012.

Umberto Fava
(Piacenza, 1940), è stato giornalista delle pagine culturali e scrittore di racconti sostenuti da grande ironia e prosaico vitalismo. Con Scritture ha pubblicato Giorgio e il drago che si mangia le parole (2014, con G. Milani) e Doppio gioco, Quella vigna profuma di donna (2015, in accoppiata con Maurizio Rossi e illustrazioni da Gianfranco Asveri).

Daniela Giorgi
Piacentina, lavora nella Pubblica Amministrazione ed è autrice di storie per l’infanzia. Con Scritture ha pubblicato Il neo di Orfeo (2011), con illustrazioni di William Xerra e traduzione in arabo maghrebino.

Alfredo Giuliani
(Pesaro, 1924 – Roma, 2007) è stato poeta e saggista, tra i principali animatori della neoavanguardia italiana e dell’editoria. Numerose le raccolte in versi e in prosa. Scritture ha pubblicato la trascrizione di una serata in dialogo con Aldo Tagliaferri, (19 giugno 2005), nel 2008.

Franco Loi
(Genova, 1930), poeta dialettale milanese e saggista, tra i maggiori autori italiani in versi. Numerose le sue raccolte. Scritture ha pubblicato la trascrizione di una serata a Piacenza per gli ottanta anni del poeta: (10 giugno 2010), con Maurizio Meschi, a cura di Stefano Pareti (2011).

Giorgio Milani
(Piacenza, 1946) è artista interessato soprattutto alla relazione tra opera d’arte e spazio pubblico. Ha pubblicato con Scritture Giorgio e il drago che mangia le parole (con Umberto Fava, 2014) e ROSAe (2010).

Stefano Mistura
Psichiatra e saggista, già dirigente dell’Azienda U.S.L. di Piacenza, è autore di numerose opere a carattere scientifico e critico. Tra le più recenti si segnalano: Figure del feticismo (Torino 2001); Psichiatria in Medicina d’Urgenza (Torino 2003); Autismo. L’umanità nascosta (Torino 2006); Psiche I e II (Torino 2006-07); La pazienza e l’imperfezione. Saggi e conferenze 1969-2007 (Macerata, 2009). Per Scritture ha pubblicato L’eredità dispersa, Saggi e conferenze 1967-2007 (2007).

Mauro Molinaroli
Giornalista e scrittore, è autore di diversi libri legati al costume e alla storia di Piacenza. Tra i più recenti ricordiamo: Quando avevamo ragione. I miei anni Settanta (2006); Al cinema con Cat (due volumi, 2007 e 2008, insieme a Stefano Pareti), e Ognuno ha tanta storia. Tante facce nella memoria (2010). Nel 2011 ha iniziato una serie di pubblicazioni sul cinema: Il cinema in rivolta. Marco Bellocchio e i pugni in tasca (Milano), nel 2013 Prima visione, Cinema e pubblico a Piacenza dal Dopoguerra al Bobbio Film Festival (Scritture) e infine Nome d’arte, Gianni Schicchi (Scritture). è tornato agli studi su Piaecnza con diverse pubblicazioni tra cui Occhi a specchio (Scritture, 2012) e Quelli che il Ciano, la Villa Grilli e…, Borgate, quartieri popolari e case minime (Scritture, 2013).

Jo Nani
Storica dell’arte e autrice di alcuni saggi sull’arte neoclassica e liberty nelle aree emiliana e lombarda, con Scritture ha pubblicato Villa Chiapponi Scotti di Castelbosco, oggi Villa Braghieri a Castelsangiovanni (2013).

Giampaolo Nuvolati
Nato a Piacenza nel 1959 è professore ordinario di Sociologia urbana all’Università di Milano-Bicocca. Ha pubblicato diversi studi sulla qualità della vita urbana e sull’utilizzo simbolico delle città nella vita odeirna, tra cui: Popolazioni in movimento, città in trasformazione: abitanti, pendolari, city users, uomini d’affari e flâneurs (Bologna, 2002); Lo sguardo vagabondo. Il flâneur e la città, da Baudelaire ai postmoderni (Bologna, 2006); Mobilità quotidiana e complessità urbana (Firenze, 2007).
Per Scritture ha pubblicato Coincidenze riguardanti periferie, orti urbani, sant’Agata (e altri appunti, 2003-2006), nel 2007. Dirige la rivista di sociologia “Città in controluce”.

Ernesto Pagani
(Cremona, 1919 – Castelsangiovanni, 2011) è stato tra i soldati italiani dell’armir che riuscirono a tornare dalla Campagna di Russia. Da quella stagione ha tratto il libro di memorie: La terra dei girasoli, dettato alla figlia e poi edito da Scritture nel 2012.

Gaetano Pantaleoni
(Piacenza, 1918 – 1987), giornalista e scrittore di cronache d’arte, critico e biografo, è autore di alcuni saggi poderosi sulla storia piacentina e sui principali monumenti della città. Scritture ha pubblicato il suo Il barocco del Mochi nei cavalli farnesiani (2013, in una nuova edizione (la prima era del 1975) con rinnovato corredo fotografico e l’aggiunta di testi di Paola Ceschi Lavagetto, Antonio Russo, Massimo Tirotti, Giovanni Morigi, Ferdinando Cogni.

Luigi Poggioli
Autore di un libro di memorie sulla sua esperienza di deportato nei campi di lavoro del Reich, Lager 7, Storia della mia gioventù interrotta, Luigi Poggioli è originario di Farini, una località dell’appennino piacentino che fu al centro dei rastrellamenti nazifascisti dell’estate 1944.

Paolo Poggioli
Artista e disegnatore di fumetti, ha trovato una felice sintesi tra la dimensione del racconto propria del fumetto, quella della fiaba di ascendenza popolare emiliana e dell’espressione multidisciplinare propria dell’arte contemporanea. Ha pubblicato con Scritture un album intitolato Il misterioso cavaliere nero (2010)

Luciano Recchia
Nato a Jesi nel 1942, è cresciuto a Viadana e vive a Parma.
Ha pubblicato la raccolta di racconti Cinque figure che scappano del 2012 (Scritture) e il romanzo Magnaecrida nel 2015. Al centro della sua opera c’è la vita epica e quotidiana delle comunità di riviera del Po, tra le città di Parma, Reggio e Mantova.
Nel suo passato, collaborazioni a rassegne di cinema e, nel 1977, la fondazione, con altri, del “Salso Film & Tv Festival”, destinato a diventare un appuntamento centrale per giovani autori e critici.

Massimo Renaldini
(Brescia, 1973) è autore di romanzi brevi e racconti pubblicati in antologie del genere fantasy. Per Scritture ha pubblicato Stramonio, Storie di Terraferma (2015).

Romano Repetti
Dalle elezioni amministrative del 1970 è un protagonista-osservatore della vita pubblica. All’esecuzione di incarichi di partito – fra cui quello di segretario provinciale del Pci a Piacenza – e di pubblico amministratore – consigliere ed assessore provinciale, presidente dell’Ente Mostre piacentino e dello Iacp/Acer – Repetti ha accompagnato studi a carattere storico e sociale, nonché di ricerca e documentazione sulla vita politica e amministrativa di Piacenza, che hanno trovato sbocco nel conseguimento della laurea in Scienze Politiche e nella redazione di questo studio.

Maurizio Rossi
(Piacenza, 1950), scrittore in prosa e in versi, si inserisce con eleganza nel filone surrealista padano. Ha pubblicato numerose raccolte, con Scritture: Doppio gioco, Gli spiriti del vino (2015, in accoppiata con Umberto Fava e illustrazioni di Gianfranco Asveri).

Federica Santini
Si è laureata in Lettere moderne a Siena nel 1996. Nel 1999 si è trasferita negli Stati Uniti, dove ha conseguito il Ph.D. in letteratura italiana (UCLA, 2004). Dal 2006 vive ad Atlanta, dove è professore associato e coordina il programma di italianistica alla Kennesaw State University. Suoi articoli e traduzioni sono apparsi inPia riviste letterarie negli USA e in Italia, quali “Rivista di Studi italiani”, “L’illuminista”, “Carte Italiane”, “L’anello che non tiene”, “Italian Culture”, “Journal of Italian Translation” e “Il Verri”. Per Scritture ha pubblicato Io era una bella figura una volta, Viaggio nella poesia di ricerca del secondo Novecento (2013).

Massimo Tirotti
(Piacenza 1946 – 2013), fu a lungo dirigente comunale a Piacenza e artista in privato. Solo dopo la prematura scomparsa la famiglia e gli amici gli hanno dedicato una mostra di cui Scritture ha pubblicato il catalogo: Tra gioco e arte (2014).

William Xerra
(Firenze, 1937) è artista e scrittore in versi e prosa. Ha pubblicato con Scritture Peggio per loro (con Luigi Ballerini, 2011) e Non senza il dire (con Roberto Borghi, 2008).


EDIZIONI SCRITTURE, via Buffalari 2, 29122 Piacenza

LA BATTIMONDA, via Menicanti 9, 29122 Piacenza, iva 01582140339